Adriano Panatta

Due Medaglie d’Oro al Valore Atletico e due titoli mondiali in discipline diversissime tra loro, tennis e motonautica. Basterebbero questi due dati per capire che Adriano Panatta non è un atleta qualunque. Romano d’origine, classe ’50, Adriano Panatta è considerato il più grande tennista italiano di tutti i tempi. Il suo palmares è costellato di splendide vittorie tra cui 14 titoli italiani (sei in singolo, sette in doppio e uno in doppio misto) e numerosi tornei internazionali quali quelli di Bournemouth, Firenze, Kitzbuhel, Stoccolma, Houston, Tokyo.

Il 1976 coincide per Adriano con l’anno di massima gloria. Dopo aver vinto a Roma gli Internazionali d’Italia, infatti, si aggiudica prima il Roland Garros e a distanza di pochi mesi conquista con la squadra nazionale la Coppa Davis. Vittorie che gli consentono di raggiunge il quarto posto nel ranking mondiale ATP. Grazie alle sue vittorie e allo stile in grado di stupire e divertire, per la prima volta l’Italia intera si appassiona ad uno sport considerato sino a quel momento una pratica d’élite. Uno dei più grandi meriti di Adriano Panatta, dunque, è stato quello di aver democratizzato e reso popolare un passatempo per pochi.

Terminata la carriera da tennista nel 1983, Adriano si dedica alla motonautica, eccellendo anche come pilota Off-shore. Nel 1991 diventa campione del mondo nella classe Evolution e primatista mondiale di velocità sull’acqua.
La sua autobiografia dal titolo Più dritti che rovesci. Incontri, sogni e successi dentro e fuori dal campo (Feltrinelli 2009) racconta la sua carriera agonistica, soffermandosi su curiosi aneddoti legati al mondo del tennis e storie famigliari. E sempre nel 2009 è il protagonista di Maglietta rossa, film-documentario in cui il regista Mimmo Calopresti racconta gli anni ’70 partendo dalla storica vittoria italiana di Coppa Davis contro il Cile di Pinochet.

 

UN CAMPIONE PER AMICO

Follow us

Facebook Youtube RSS Feed Twitter

Campioni di Vita